I sistemi anticaduta sono fondamentali per determinare la sicurezza del lavoratore nel prevenire gli infortuni sul lavoro in quota. I criteri di protezione si basano su di una serie di norme UNI che garantiscono la sicurezza e che vedremo qui di seguito.

Norma UNI 11158. Definisce i dispositivi di protezione necessari per proteggersi contro le cadute dall’alto, in combinazione con sistemi di arresto caduta.

Norma UNI EN 341. Definisce nel quadro dei dispositivi di protezione individuale anticaduta come devono essere realizzati ed utilizzati i dispositivi di discesa che si associano ai DPI (dispositivi di protezione individuale).

Norma UNI EN 353-1. Individuano i DPI contro le cadute dall’alto di tipo guidato, con una linea di ancoraggio rigida.

Norma UNI EN 353-2. Individuano i DPI contro le cadute dall’alto di tipo guidato,  con una linea di ancoraggio flessibile.

Norma UNI EN 354. Specifica come devono essere fatti i cordini nei DPI anticaduta.

Norma UNI EN 355. Specifica come devono essere fatti gli assorbitori di energia nei DPI anticaduta.

Norma UNI EN 358. Indica come devono essere posizionati cordini e cinture affinché i DPI anticaduta funzionino.

Norma UNI EN 360. Specificano le caratteristiche di un altro tipo di DPI anticaduta, non di tipo guidato bensì di tipo retrattile, con le istruzioni di utilizzo, marcatura e tipologie per l’imballo.

Norma UNI EN 361. Definisce il quadro delle imbracature di sicurezza per il corpo all’interno dei DPI anticaduta.

Norma UNI EN 362. Definisce i requisiti ed i metodi di prova necessari per i connettori di sicurezza.

Norma UNI EN 354. È particolarmente importante perché indica quelli che devono essere i metodi di prova dei DPI anticaduta. Scendendo maggiormente nei dettagli, vengono indicate le apparecchiature per le prove statiche e come utilizzarle; le apparecchiature per le prove dinamiche; i metodi che provano il livello di resistenza e di prestazione dinamica; le prove di corrosione dei metalli; le prove di durata e di condizionamento, oltre che una serie di altre raccomandazioni per la programmazione delle prove.

La norma UNI EN 365 definisce i DPI contro le cadute dall’alto.

La norma UNI EN 516 definisce come devono essere fabbricati ed utilizzati gli accessori prefabbricati per coperture al riguardo di passarelle, piani di camminamento e scalini posapiede, anche in termini di dimensioni, materiali e capacità di sopportazione dei carichi.

La norma UNI EN 795 definisce come devono essere realizzati e applicati i dispositivi di ancoraggio per la protezione dalle cadute dall’alto.

La norma UNI EN 813 disciplina la realizzazione delle cinture con cosciali.

Le norme UNI EN 1497 e UNI EN 1498 definiscono lo standard delle imbracature di salvataggio e delle cinghie di salvataggio.

La norma UNI EN 1868 è invece molto utile perché contiene la lista dei termini equivalenti utilizzabili.

Altre norme sui sistemi anticaduta riguardano la disciplina dei parapetti provvisori e delle reti di protezione. I parapetti provvisori sono disciplinati dalla norma UNI EN 13374, mentre le reti di sicurezza e relativi requisiti e istruzioni per il montaggio si trovano all’interno della norma UNI EN 1263-1/2.

Propietà di: Tutto Cantiere Online